Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Dicembre 2016

Se per un verso un’impresa deve sempre essere naturalmente incline al perseguimento del maggior utile possibile, anche attraverso l’ottimizzazione del proprio carico fiscale, dall’altro è doveroso considerare che un’eccesiva “audacia” nella gestione dei rischi fiscali può risultare un boomerang sui conti e sull’immagine aziendale e dell’imprenditore.

La definizione di rischio fiscale è ampia ma in via di principio racchiude tutte le criticità che derivano dal mancato rispetto da parte di una impresa, o imprenditore, della legislazione fiscale vigente nel paese in cui opera, come: la non corretta tenuta delle scrittura contabili, errori nella compilazione e presentazione dei dichiarativi, errata interpretazione della legislazione e prassi fiscale, ecc. ecc..

In taluni casi, la consapevole adozione di condotte illecite, deriva dalla volontà di sottrarsi ai previsti obblighi tributari riducendo così il carico fiscale a cui si sarebbe altrimenti sottoposti. In altri casi la condotta illecita può essere frutto di una non adeguata conoscenza della normativa fiscale e/o di consulenti esterni che non aiutano l’impresa e l’imprenditore ad effettuare le scelte corrette. In altri casi ancora la commissione di tali condotte può derivare dallo stato di decozione dell’impresa, privata delle risorse finanziarie necessarie per far fronte ai propri obblighi tributari. Ad ogni modo, quale che sia il punto di partenza, si può essere chiamati ad intervenire in modo tempestivo e risoluto anche mediante una efficace strategia di compliance nei confronti dell’Amministrazione Finanziaria con l’intento di minimizzare il danno, qualora si sia sottoposti ad indagini fiscali.

Ovviamente si è tutti d’accordo che prevenire è meglio di curare e quindi cercare di non trovarsi in queste ipotesi è la strada migliore, ma se ci si trovasse a dover fronteggiare queste situazioni l’impostazione di un dialogo corretto e proficuo con l’Amministrazione Finanziaria può essere determinante in un’ottica di minimizzazione del danno e appoggiarsi a consulenti esterni esperti in ambito fiscale è la strada migliore. Molto spesso infatti le imprese e gli imprenditori non sono in grado di parlare lo stesso linguaggio delle autorità fiscali, di fornire in modo esaustivo e ordinato le informazioni richieste, con inevitabile irrigidimento delle posizioni dell’organo accertante e ricadute negative. Gestire già la fase di verifica fiscale nel modo migliore è determinante ai fini delle pretese erariali che saranno emanate. Rivolgersi ad un esperto in materia fiscale, delegarlo come interlocutore per gestire il delicato contradditorio che si instaura con l’Amministrazione Finanziaria, demandarlo alla presentazione e dimostrazione dei documenti, costruendo un clima collaborativo, è senza alcun dubbio la risposta migliore al presentarsi di tali problemi.

Noi Commercialisti di Studio Stefani che da oltre 30 anni per i nostri clienti lavoriamo al fine che non si verifichino tali situazioni, cercando di prevenirle, siamo sovente chiamati in causa da soggetti terzi a trattare per conto loro situazioni di criticità come quelle descritte. L’esperienza maturata ci porta ad essere in grado di offrire in questo campo capacità di dialogo con le varie Amministrazioni Finanziarie nell’ottica di minimizzazione del danno economico. Il numero di controlli effettuati dalle Agenzie fiscali sale ogni anno, come ogni anno sale l’ammontare dell’imponibile ripreso a tassazione a seguito di accertamenti, i danni patrimoniali emergenti dalla comminazione di pesanti sanzioni possono risultare di entità tale da minare addirittura la prosecuzione dell’attività d’impresa, farsi aiutare da consulenti fiscali all’altezza diviene quindi una questione vitale.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Richiedi un primo appuntamento Gratuito: valutiamo la tua situazione, senza impegno, per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della tua azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com