Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Maggio 2020

Il Decreto Rilancio, al fine di sostenere il reddito dei liberi professionisti iscritti alle Casse private, riconosce l’indennità di 600 euro anche per i mesi di aprile e maggio.

Le novità apportate dall’articolo 78 del DL riguardano l’introduzione di due nuove condizioni limitative alla fruizione del reddito di ultima istanza:

  1. non essere titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato,
  2. non essere titolari di pensione.

Sono fatti salvi i seguenti presupposti di “sofferenza economica” frutto del combinato disposto dei precedenti Decreti:

  • per i professionisti che nel 2018 hanno conseguito un reddito complessivo inferiore ai 35 mila euro, l’attività deve aver subito una limitazione a causa dei provvedimenti restrittivi;
  • per i professionisti che nel 2018 hanno percepito un reddito complessivo compreso tra i 35 e 50 mila euro, l’attività deve essere cessata, ridotta o sospesa. In particolare:
  1. la cessazione dell’attività professionale deve essere avvenuta tra il 23 febbraio e il 31 marzo 2020,
  2. la flessione del fatturato del primo trimestre dell'anno deve essere pari ad almeno il 33% rispetto al primo trimestre 2019.

Si precisa che è stato rimosso il criterio relativo all’iscrizione esclusiva agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.

Le domande dovranno essere fatte pervenire alla Cassa di appartenenza.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Conosciamoci in un Primo Appuntamento Gratuito!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della tua azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com