Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Giugno 2014

Con la presente si comunica che il governo attraverso il Decreto Legge 66/2014 rende obbligatoria la fattura elettronica a far data dal 06 GIUGNO 2014 per:

 

MINISTERI (compresi uffici, unità organizzative locali e Istituti di istruzione Statale)

AGENZIE FISCALI

ENTI NAZIONALI DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE (INPS, INAIL ecc.)

 

Mentre a far data dal 31 MARZO 2015 per

TOTALITÀ DEGLI UFFICI PUBBLICI

 

Tale fattura PA (fattura verso la pubblica amministrazione) è da trasmettere attraverso il sistema di interscambio, ed è fondamentalmente un documento informatico in formato strutturato Xml – extansible Markup language, sottoscritto con firma elettronica qualificata o digitale. Oltre alle informazioni fiscali, nel tracciato vanno ricomprese le indicazioni del soggetto trasmittente, con identificativo fiscale, progressivo di invio e numero di trasmissione, nonché all’amministrazione destinataria, identificata con il codice identificativo univoco, oltre a Cig (codice identificativo di gara) e Cup (codice unico di progetto) nei casi in cui richiesto.

Tra le pubbliche amministrazioni destinatarie delle fatture PA sono infatti ricompresi tutti i soggetti anche autonomi che concorrono al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale e che sono inseriti nel conto economico consolidato ed individuati entro il 30 settembre di ciascun anno nell’apposito elenco pubblicato all’Istat.

I fornitori delle amministrazioni pubbliche perciò sono chiamati a gestire il proprio ciclo di fatturazione esclusivamente in modalità elettronica, non solo nelle fasi di emissione e trasmissione ma anche in quella di conservazione. I fornitori possono avvalersi di intermediari per interagire con il sistema di interscambio, sia nelle fasi di generazione delle fatture in formato xml e loro sottoscrizione digitale, sia per la trasmissione che per la successiva gestione delle varie ricevute generate dal Sdi (sistema di interscambio).

La fattura elettronica destinata ad una pubblica amministrazione può essere veicolata a quest’ultima transitando obbligatoriamente attraverso il Sistema di interscambio.

A tal fine può essere scelto uno dei seguenti canali:

- un sistema di PEC (posta elettronica certificata);

- un sistema di trasmissione per via telematica attraverso il sito del sistema di interscambio (www.fatturapa.gov.it); per accedervi è necessario essere in possesso dell’ abilitazione Entratel o Fisconline o essere provvisti di Carta Nazionale dei Servizi (CNS) precedentemente abilitata ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;

- un sistema di cooperazione applicativa, su rete internet, con servizio esposto tramite web service (SDICoop); per usufruire di questo canale di trasmissione è necessario accreditarsi presso il sistema di interscambio;

- un sistema di cooperazione applicativa (web service) tramite il sistema pubblico di connettività (SPCoop); per usufruire di questo canale di trasmissione è necessario accreditarsi presso il sistema di interscambio;

- un sistema di trasmissione dati tra terminali remoti basato sul protocollo FTP (SDIFtp); per usufruire di questo canale di trasmissione è necessario accreditarsi presso il sistema di interscambio, l’utilizzo di tale modalità presuppone una rilevante struttura a supporto delle attività informatiche.

    

Precisiamo inoltre che con l’entrata in vigore di tale provvedimento, le pubbliche amministrazioni interessate non potranno tassativamente procedere al pagamento di fatture trasmesse in forma cartacea successivamente alla data del 06.06.2014.

Lo studio è a completa disposizione per offrire tale servizio ai clienti che ne fossero interessati.

Infine comunichiamo che tale norma essendo entrata in vigore da pochi giorni potrebbe essere soggetta a ulteriori specifiche e chiarimenti da parte delle Autorità competenti che vi saranno comunicate dallo studio con successive circolari.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Richiedi un primo appuntamento Gratuito: valutiamo la tua situazione, senza impegno, per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

CRISI D’IMPRESA, SI O NO?

La guida pratica per monitorare lo stato di salute della tua azienda:

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com