Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Luglio 2015

In queste settimane riceviamo ancora molti quesiti in relazione all’obbligo di fatturazione elettronica verso i Comuni.

Innanzitutto è bene chiarire che se è vero che un’asd in 398 è esonerata dallo Split Payment (come abbiamo visto nella circolare della settimana scorsa) non lo è dall’obbligo di inviare la fattura elettronica al Comune, obbligo che interessa tutti coloro che hanno rapporti economici con la Pubblica Amministrazione, che facciano parte dei settori non profit o meno. E’ bene quindi specificare che Split Payment e fatturazione elettronica sono due cose ben distinte, che nulla hanno a che fare l’una con l’altra.

Per quanto concerne la fatturazione elettronica, qualora ci sia la necessità di emettere una fattura elettronica verso il Comune, è bene innanzitutto contattare lo stesso Comune per chiedere le primarie informazioni necessarie per la corretta emissione (tra cui il CIG – Codice Identificativo di Gara), pena lo scarto della fattura e il mancato pagamento.

La fatturazione elettronica richiede alcuni ulteriori accorgimenti che prima nell’emissione di una fattura cartacea non c’erano, è bene quindi farsi assistere, soprattutto nell’emissione delle prime fatture elettroniche, da un professionista che vi consigli e si occupi di tutto il nuovo iter di archiviazione sostitutiva.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Richiedi un primo appuntamento Gratuito: valutiamo la tua situazione, senza impegno, per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

Scarica la Guida per ASD e SSD!

« Le 15 domande da farsi per dormire sonni tranquilli e non temere accertamenti »

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com