Studio Certificato Sistema Qualità ISO9001
20 professionisti e 30 collaboratori qualificati al servizio delle imprese
Febbraio 2017

Dal 2017 cambiano le regole per l’invio dello spesometro. E’ stato infatti modificato l’articolo 21 del D.L. 78/2010, le modifiche interessano le operazioni a far data dal 01.01.2017 in poi.

Ma facciamo un passo indietro, con l’art. 21 del suddetto decreto il legislatore aveva introdotto fin dal 2010 l’obbligo di trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni attive e passive rilevanti ai fini Iva. Gli enti non commerciali ne erano soggetti “limitatamente alle operazioni effettuate nell’esercizio di attività commerciali o agricole, ai sensi dell’art. 4, D.P.R. 633/1972”.

Per le associazioni/società sportive soggette al regime ex L. 398/91 una nota del 23 gennaio 2014 aveva specificato che per tali soggetti, anche se non tenuti alla registrazione analitica delle fatture passive ricevute, devono comunicare gli importi relativi agli acquisti di beni e servizi direttamente riferibili all’attività commerciale eventualmente svolta. Infatti, l’obbligo di comunicazione è correlato alla cessione di beni e alle prestazioni di servizi rese e ricevute e non a quello di registrazione, che costituisce un adempimento successivo e diverso all’emissione della fattura.

Tali regole restano in vigore per il 2016, quindi per lo spesometro da inviare entro il 20 aprile 2017.

Dal 1° gennaio 2017, allo spesometro vengono apportate le seguenti modifiche:

  • non c/è più l’obbligo di inviare i corrispettivi, ovvero le operazioni che non sono certificate mediante fattura;
  • andranno incluse nello spesometro solo le fatture ricevute e “registrate”. Con la circolare 1/E/2017 viene chiaramente specificato che i soggetti che applicano il regime forfettario devono trasmettere i dati delle fatture emesse ma “non devono trasmettere i dati delle fatture ricevute perché, per queste ultime, sono esonerati dall’obbligo di registrazione”;
  • il termine di scadenza per l’invio è trimestrale (scadenze 31.05 per il 1° trimestre, 16.02 per il 2° trimestre, 30.11 per il 3° trimestre, 28.02 dell’anno successivo per il 4° trimestre). Solo per l’anno 2017 gli invii saranno semestrali con scadenza 18 settembre 2017 per il primo semestre e 28 febbraio 2018 per il secondo semestre.

Hai bisogno di Consigli o Assistenza?

Richiedi un primo appuntamento Gratuito: valutiamo la tua situazione, senza impegno, per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno!

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok
×

Scarica la Guida per ASD e SSD!

« Le 15 domande da farsi per dormire sonni tranquilli e non temere accertamenti »

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com